Le donne nei Veda

Ci sono molte civiltà nel mondo in cui il rispetto per le donne e il loro ruolo nella società è preminente e altre in cui il loro status dovrebbe essere migliorato. Eppure il livello di civiltà, morale e spirituale di una società, può essere spesso percepito dal rispetto e dalla considerazione che dà alle sue donne. Non che li apprezza per la loro attrattiva sessuale e poi dà loro tutta la libertà che gli uomini vogliono, in modo che possano essere sfruttate, ma che siano considerate in un modo che consenta loro di vivere onorando la loro importanza nella società con rispetto e senso di protezione e venga data loro l’opportunità di raggiungere il loro reale potenziale nella vita.

Tra le molte società del mondo, abbiamo visto che nella cultura vedica esiste uno tra i più grandi rispetti verso le donne. La tradizione vedica tiene in grande considerazione le qualità delle donne e ha mantenuto questo massimo rispetto all’interno della sua tradizione, come si vede dall’onore che conferisce alla Dea, che è ritratta come l’incarnazione femminile di importanti qualità e poteri. Queste forme divine includono quelle di Lakshmi (la dea della fortuna e consorte di Vishnu), Sarasvati (la dea del sapere), Subhadra (la sorella di Krishna e la personificazione di ogni buon augurio), Durga (la dea della forza e del potere), Kali (il potere di tempo) e altre divinità vediche che esemplificano forza interiore e attributi divini. Anche il potere divino sotto forma di shakti è considerato femminile.

Durante i molti anni della cultura vedica, alle donne è sempre stato dato il massimo livello di rispetto e libertà, ma anche di protezione e sicurezza. Dice un detto vedico: “Dove si adorano le donne, lì dimorano gli dei”. O dove le donne sono felici, ci sarà prosperità. Infatti le citazioni dirette della Manu-samhita spiegano come segue:

“Le donne devono essere onorate dai loro padri, fratelli, mariti e cognati, che desiderano il proprio benessere. Dove si onorano le donne, là si compiacciono gli dei; ma dove non sono onorate, nessun rito sacro darà ricompense. Dove le relazioni femminili sono sofferenti, la famiglia muore presto; ma quella famiglia dove esse sono felici prospera. Le case in cui le relazioni femminili non sono debitamente onorate, sono una maledizione e muoiono completamente, come distrutte da una magia. Quindi gli uomini che cercano il proprio benessere, dovrebbero sempre onorare le donne durante le feste con doni di ornamenti, vestiti e cibo squisito.” (Manu Smriti III.55-59)

In modo simile il grande saggio Bhishma spiegò:

“O sovrano della terra (Yudhisthira) il lignaggio in cui le figlie e le nuore sono rattristate perché maltrattate viene distrutto. Quando le donne, dovuto al dolore, maledicono queste famiglie, queste famiglie perdono il loro fascino, la prosperità e la felicità.” (Mahabharata, Anushashanparva, 12.14)

Inoltre, nei Veda, quando una donna è invitata in una famiglia tramite il matrimonio, essa entra «come un fiume entra nel mare» e «per regnarvi insieme al marito, come una regina sugli altri membri della famiglia». (Atharva-Veda 14.1.43-44) Questo tipo di uguaglianza si trova raramente in qualsiasi altra scrittura religiosa. Inoltre, una donna devota a Dio è più apprezzata di un uomo che non ha tale devozione. Si possono trovare ulteriori citazioni in altre parti della letteratura vedica. Questi sono gli insegnamenti dei Veda. Non seguire queste regole è una deviazione dalla genuina tradizione vedica. Seguendo questa tradizione, la storia dell’India ha avuto molte donne che hanno raggiunto grandi vette nella spiritualità, nel governo, nella letteratura, nell’istruzione, nella scienza o persino come guerriere sul campo di battaglia.

In materia di dharma, ai tempi della cultura vedica, le donne erano una forza decisiva nella spiritualità e il fondamento dello sviluppo morale. C’erano anche delle donne rishi che rivelarono ad altri la conoscenza vedica. Ad esempio, il 126° inno del primo libro del Rig-Veda fu rivelato da una donna vedica il cui nome era Romasha; l’inno dello stesso libro era di Lopamudra, un’altra donna. Ci sono una decina di nomi di donne che hanno rivelato la saggezza vedica, come Visvavara, Shashvati, Gargi, Maitreyi, Apala, Ghosha e Aditi che istruirono Indra, uno dei Deva, nella conoscenza superiore del Brahman. Ognuno di loro visse una vita ideale di spiritualità, non essendo toccata dalle cose del mondo. Esse vengono chiamate in sanscrito Brahmavadini, coloro che rivelano il Brahman.

In effetti, nella prima civiltà vedica le donne erano sempre incoraggiate a perseguire il progresso spirituale senza ostacoli:

“O sposa! Possa la conoscenza dei Veda essere davanti a te e dietro di te, nel tuo centro e nelle tue estremità. Possa tu condurre la tua vita dopo aver raggiunto la conoscenza dei Veda. Possa tu essere benevola, foriera di buona fortuna e salute, e vivere con grande dignità e davvero essere illuminata nella casa di tuo marito.” (Atharva Veda, 14.1.64)

Nel corso della storia dell’India e delle tradizioni della società vedica, le donne sono state anche degli esempi di mantenimento dei principi di base del Sanatana-dharma. Oggi questo onore verso le donne dovrebbe essere mantenuto preservando la genuina cultura vedica, sia nel paese che nelle istituzioni religiose, questa è sempre stato un’aspetto dell’India.

Sfortunatamente, questi livelli sociali sono diminuiti principalmente per delle influenze esterne che si sono insinuate a causa di invasori stranieri, sia militarmente che culturalmente. Questi invasori che dominavano l’India consideravano le donne per lo più come oggetti di godimento e sfruttamento sessuale e come bottino di guerra da avere come premio. L’oppressione delle donne è aumentata in India a causa del governo Moghul. Quando gli stranieri acquisirono influenza e convertirono le persone, il decadimento delle norme spirituali entrò anche nella cultura indiana e vedica. Cambiarono anche i criteri educativi della cultura vedica e la sacralità della maternità andò quasi perduta. L’insegnamento cambiò, dall’enfasi a sviluppare un’autonomia individuale, alla dipendenza e al servizio agli altri. Così, la competizione sostituì la ricerca della verità, e l’egoismo e la possessività sostituirono lo spirito di rinuncia e il distacco. E gradualmente le donne vennero viste come meno divine e più come oggetti di gratificazione o proprietà da possedere e controllare, o addirittura sfruttare.

Questo è il risultato di un’influenza culturale demoniaca, che continua ancora a crescere mentre il materialismo si espande nella società. Il denaro e la gratificazione sensuale sono diventati gli obiettivi importanti della vita, anche se da soli non possano darci pace o appagamento. Invece ci fanno sviluppare più desideri nella speranza di trovare appagamento lasciandoci vuoti e sempre più irrequieti senza sapere il perché.

Il modo in cui trattiamo le nostre donne è un indicatore della nostra barbarie. Mentre gli uomini possono avere una maggiore energia fisica rispetto alle donne, queste ultime hanno chiaramente più energia interna ed emotiva. Non è un caso quindi che le donne siano identificate con la shakti nella civiltà vedica. Se le donne vengono represse, questa shakti sarà negata alla famiglia e alla società, indebolendo entrambe.

Nella vera cultura vedica, viene insegnato che ogni uomo dovrebbe considerare e rispettare ogni donna, eccetto la propria moglie, come sua madre, e avere per ogni ragazza la stessa cura che avrebbe per sua figlia. È solo a causa della mancanza di tale formazione e dell’allontanamento sociale da questa alta moralità che questo insegnamento viene dimenticato e il rispetto che la società dovrebbe avere per le donne è stato ridotto. In questo modo, il cambiamento nell’atteggiamento verso le donne in India (e in tutto il mondo) è stato dovuto alla perdita della cultura e delle vere norme vediche e alla mancanza di comprensione della vera conoscenza spirituale vedica. Pertanto, dovrebbe essere facile vedere la necessità di organizzazioni che mantengano e insegnino le giuste opinioni, che un tempo erano una parte fondamentale delle autentiche tradizioni vediche.

Quando la posizione delle donne declina, allora quella società perde il suo equilibrio e la sua armonia. Nella dimensione spirituale, uomini e donne hanno una posizione uguale. Uomini e donne sono uguali come figli e figlie dello stesso Padre Supremo. Ma non si può portare il regno spirituale su questa Terra o entrare nel regno spirituale se la nostra coscienza è focalizzata sulle differenze sessuali, e quindi trattiamo male le donne. Spiritualmente, l’uno non è superiore all’altro, ma ognuno di noi ha dei modi o dei talenti particolari da dare alla società e al servizio di Dio. Quindi gli uomini non dovrebbero cercare di controllare le donne con la forza, ma nemmeno le donne dovrebbero cercare di impossessarsi del ruolo degli uomini o cercare di adottare la natura maschile degli uomini. Altrimenti, nella società entra lo squilibrio, proprio come un’auto non si muoverà correttamente se le ruote sono sgonfie o sbilanciate. Naturalmente ci sono eccezioni in cui alcuni uomini sono naturalmente bravi nei ruoli femminili e alcune donne hanno talento nelle occupazioni maschili. Ma il punto è che donne e uomini devono cooperare come le ali gemelle di un uccello, e insieme solleveranno l’intera società. Se manca rispetto e cooperazione, come può progredire la società? Del resto, come può esserci uno spirito di collaborazione e di apprezzamento tra uomini e donne quando invece esiste uno stato d’animo di competizione, o una mancanza di rispetto reciproco? Nella società materialista è questa attitudine che sta aumentando, sia nella famiglia che nel lavoro, che contribuisce allo squilibrio sociale e non a una società efficiente e pacifica.

Maternità e famiglia

Nell’India vedica è sempre stata data importanza alla natura materna delle donne. Dopotutto, spesso sono la base della vita familiare e della corretta educazione dei figli. Di solito le donne danno amore, comprensione e nutrimento per lo sviluppo dei nostri figli in un modo che è improbabile per la maggior parte degli uomini.

Il saggio Bhishma ha anche detto:

“L’insegnante che dà la vera conoscenza è più importante di dieci istruttori. Il padre è più importante di dieci di questi maestri di vera conoscenza e la madre è più importante di dieci di questi padri. Non c’è guru più grande della madre.” (Mahabharata, Shantiparva, 30.9)

La nostra stessa vita è il dono della vita di nostra madre. Ci siamo nutriti da lei, abbiamo trascorso nove mesi nel suo grembo e il suo amore ci ha sostenuto. Anche adesso siamo amati da nostra madre. Questo include Madre Natura e Madre Terra, che nella tradizione vedica è chiamata Bhumi. Anche il pianeta Terra è come una madre perché tutto quello di cui abbiamo bisogno per vivere, tutte le nostre risorse, provengono da lei. Come proteggeremo nostra madre, dobbiamo anche proteggere Madre Terra.

La donna nella maternità, dopo aver dato alla luce un bambino che ha portato in grembo per nove mesi, è il primo guru e guida del bambino e quindi dell’umanità. Grazie a lei, prima che un bambino conosca l’odio o l’aggressività, conosce l’amore di una madre che può infondere nel bambino la comprensione del perdono e della gentilezza. Quindi possiamo riconoscere che dietro la maggior parte degli uomini di successo c’è spesso una donna forte, sia come madre che come moglie.

Nell’esibire le qualità materne, le donne devono essere piene di calore umano ed essere tenere, forti e protettive, ma anche gettare le basi della disciplina e della discriminazione tra il bene e il male. Inoltre, di solito è la donna che rende bella la casa, per creare un’atmosfera ispirante. Poi di solito cucina piatti nutrienti e gustosi che danno piacere, forza fisica e salute. Per il loro innato senso materno e la loro gentilezza, le donne sono anche guaritrici naturali, assistenti e nutrici. Quelle donne che hanno una predisposizione intrinseca a prendersi cura degli altri saranno anche delle sostenitrici naturali delle norme morali e dei principi spirituali. Per le loro tendenze ed espressioni emotive, sono per natura anche devote di Dio.

Nell’antica India i termini sanscriti utilizzati per il marito e la moglie sono pathni (colei che guida il marito per tutta la vita), dharmapathni (colei che guida il marito nel dharma) e sahadharmacharini (colei che si muove con il marito sulla via del dharma con rettitudine e senso del dovere). Questo è il modo in cui l’antica cultura vedica considerava la relazione tra marito e moglie.

Quando marito e moglie sono disposti a essere flessibili rispetto ai bisogni dell’altro e a proseguire nell’amore e nella comprensione reciproca, la relazione può andare oltre l’uguaglianza e diventare unione spirituale. Questo significa che ognuno apprezza le qualità dell’altro e vede l’altro come un complemento per quello che possiede già. Questo compensa anche le debolezze o le carenze dell’altro. In questo modo, ciascuno può fornire sostegno, incoraggiamento e ispirazione all’altra persona. Questo ideale può essere raggiunto solo quando si comprendono correttamente i principi della spiritualità. Si dice anche che dove marito e moglie vanno d’accordo, Lakshmi Devi stessa (la dea della fortuna) abita in quella casa.

Le divinità femminili

Nella tradizione vedica è comune vedere l’abbinamento degli esseri divini maschili con una controparte femminile, unendo così entrambi i poteri e le qualità che ciascuno possiede. Possiamo facilmente vederlo in Radha-Krishna, Sita-Rama, Lakshmi-Vishnu, Durga-Shiva, Sarasvati-Brahma, Indrani-Indra, ecc. Quindi abbiamo una combinazione di divinità maschili e femminili che creano il completo equilibrio nel potere spirituale divino.

Attraverso un puro affetto, le Divinità femminili sono state in grado di abbattere le più potenti barriere della creazione, specialmente quelle del male. Il mistero divino della vita è che le forze più potenti dell’universo sono soggiogate dall’amore e che l’amore è completamente incanalato attraverso l’energia e la personalità femminile. Ad esempio, “Durga” significa colei che è difficile da conoscere. Ma essendo considerata la madre dell’universo, o la personificazione dell’energia materiale, noi come suoi figli possiamo avvicinarci a lei attraverso l’amore. E lei risponderà con amore.

Inoltre, per amore, la dea assunse la forma di Mahishasuramardini, ovvero colei che distrusse il demone Mahishasura che era stato generata dalla collera e dalla potenza di Vishnu, Shiva, Brahma e altri, ed era la combinazione dei loro poteri. Essi non poterono sconfiggere il demone, ma la dea ci riuscì. Simbolicamente, Durga può distruggere l’oscurità demoniaca dell’ignoranza e e della pigrizia che c’è dentro di noi. Un altro esempio è quando Durga espresse il suo amore ai deva e all’umanità apparendo come Kaushika Durga, chiamata anche Ambika. Con la sua bellezza attirò a sé i demoni Shumba e Nishumba per fare in modo che essi non disturbassero la creazione. Poi dalla sua fronte apparve come l’oscura dea Kali che uccise tutti quei terrificanti demoni. Così con l’amore, la potenza divina femminile assume delle forme per alleviare i grandi disturbi che vi sono nell’universo e dentro di noi.

Per amore, anche la potenza femminile Divina si manifesta come Srimati Radharani, la consorte del Signore, Sri Krishna. Uno dei suoi molti nomi è Janagati, che significa la dea di tutte le dee. È l’origine dell’amore e della bellezza femminile divina e il culmine della devozione all’Essere Supremo. Così, dal mondo spirituale ideale, possiamo vedere il Suo riflesso divino rispecchiato qui in questo mondo relativo in tutto ciò che è femminile, bello e puro. Essendo coscienti e consapevoli di queste qualità, possiamo percepire la dimensione spirituale che pervade e fluisce in questo temporaneo universo materiale.

Così, vediamo le qualità delle Persone divine che hanno origine nel mondo spirituale. Noi umani non siamo altro che delle forme riflesse e limitate delle Coppie Divine che risiedono nell’esistenza originale. Questo è il motivo per cui la tradizione vedica ha dato molto valore, onora e adora la natura femminile divina con quella maschile: l’una senza l’altro è incompleta. Questo è uno dei tratti unici che distinguono la cultura vedica dalle altre.

Il futuro

In questo mondo abbiamo bisogno dell’aiuto di tutte le persone, in tutte le aree e a tutti i livelli di vita per proteggere la conoscenza e le tradizioni vediche, e le donne hanno un ruolo molto importante da svolgere. Come abbiamo detto, generalmente sono loro la prima ispirazione e le prime maestre dei nostri figli. Molti dei grandi uomini che erano diventati potenti sostenitori del Sanatana-dharma avevano anche madri o mogli forti e ispiranti.

Per poter raggiungere il suo pieno potenziale, ogni ragazza dovrebbe avere l’opportunità di conoscere la spiritualità insieme all’istruzione scolastica. Certo, questo si può dire anche dei ragazzi. Nessuno nasce odiando gli altri, ma questo nelle società materialiste si apprende dalle compagnie sbagliate. Poi nella vita una persona impara ad apprezzare i propri simili, ma non ad amare chiunque sembri diverso. La vera conoscenza spirituale è l’alternativa per portare un cambiamento in una tale società e fermare l’odio e i contrasti che continuano a causa della percezione delle differenze fisiche ed esterne tra di noi.

Sono le usanze primitive e le invenzioni sessiste della società moderna, ma materialistica, che oggi costringono a limitare, soggiogare o addirittura sfruttare le donne. Una società così non permette che la forza e l’ingegnosità delle donne nascano o vengano riconosciute, almeno non senza sforzi personale e all’esterno nei vari campi di attività e nel lavoro.

Un’infanzia problematica, e l’essere state esposte a pensieri, idee e indottrinamenti limitanti invece che situazioni che favoriscono il loro potenziale superiore è uno dei motivi per cui le donne perdono le loro capacità, i mezzi o le motivazioni per ottenere dei risultati elevati nella vita. Quindi il loro contributo spesso viene inibito. Questo non fa che aumentare i problemi delle donne che spesso vengono trasmessi da una generazione all’altra e tutta la società perde le capacità che le donne potrebbero altrimenti raggiungere ed elargire.

Occorre ristabilire armonia tra natura maschile e femminile, che si manifesta soprattutto nelle relazioni tra uomini e donne. Lo si può fare in modo più efficace grazie a un autentico sviluppo spirituale, quando la natura sia maschile che femminile diventano equilibrate e complementari, piuttosto che competitive. Questo può armonizzare non solo le relazioni esterne tra persone, ma anche le tendenze femminili e maschili all’interno di ogni individuo, sia uomo che donna. Con un autentico progresso spirituale possiamo elevarci al di sopra delle nostre identità materiali corporee e utilizzare e completarci con i talenti e le capacità degli altri, indipendentemente dal fatto di essere uomini o donne. Dobbiamo sapere che all’interno di ogni corpo c’è un’anima spirituale che non è diversa dalla nostra. Ma mentre siamo in questo mondo e in diversi tipi di corpi, possiamo aiutarci ed essere in armonia tra di noi, e utilizzare insieme i nostri talenti che sono naturalmente diversi.

Sri Nandanandana das (dal sito web Vaisnava Family Resources)

The post Le donne nei Veda appeared first on VaisnavaLife.com.

https://ift.tt/ArUXtCe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...