Gusti superiori

Stare in compagnia di persone spirituali e piene di buone qualità è come bere una tisana calda in un giorno d’inverno, fuori il freddo e il grigiore, dentro, in compagnia di quelle belle persone il piacevole calore delle loro parole che entrano in noi come un infuso balsamico e ci avvolgono di benessere.

La vita spirituale dovrebbe essere come un’halava; l’halava è un dolce leggendario il cui gusto non è di questo mondo. Semplice eppure elegante, è preparata con semolino, zucchero, burro, succo e scorza d’arancia. Quando l’halava è allo zucchero caramellato non è più possibile descrivere il suo aroma, proprio come non si può descrivere il gusto del miele limitandoci a leccare un barattolo di miele ma non il miele. Non si riesce a smettere di assaggiarla e ogni volta ti domandi chi e come ha potuto fare qualcosa di così delizioso con degli ingredienti così semplici; così la vita spirituale è come un’halava al caramello, intensa e dolcissima, fatta di canti melodiosi e di relazioni dolcissime. O no! non ditemi che questa è solo un utopia! Quella vita esiste, e noi possiamo provarla!

Entro nel tempio e l’impatto è di un fascino travolgente, l’aroma dell’incenso si mescola con quello del ghi e del laddu, alle pareti i dipinti dove Krishna guarda le gopi che timorose agognano del suo sguardo profondo e conturbante mentre arriva dalla foresta suonando il suo dolcissimo flauto. Un gentile tintinnio di campanelline riverbera nell’aria profumata.

Il laddu…una volta tutti i devoti oltre i libri portavano anche una piccola scatola di legno con qualcosa di prezioso, dei dolci di laddu. Mi ha narrato un devoto: “Entro in un negozio e il titolare che è piuttosto indaffarato non ha molto tempo di ascoltarmi, allora io gli offro il laddu, poi lo saluto ed esco, e mentre cammino sento un voce che mi chiama, mi giro e vedo quella persona che mi si avvicina quasi correndo e con un grande, grande sorriso mi stringe con forza la mano e mi ringrazia, ‘Grazie! Grazie! Quel dolce è veramente meraviglioso!’”

Molti anni fa, alla località Camin dove si trovava il tempio di Padova, la domenica mattina dopo la lezione di Bhagavatam in estate c’era una colazione insolita e speciale, la festa della domenica del mattino? Pizze, pizze e ancora pizze, che sembrava volassero con entusiasmo dal forno a legna dove le preparava un bravo devoto, Guru Shiva das. Ce n’erano per tutti quanti, ed erano leggere e buonissime, così semplici, solo pomodoro, origano, panir e olio e potevi averne quante ne volevi, una, due, tre, quattro, forse anche cinque e sei, se ci riuscivi sette, e magari otto? Qualche anno fa Guru Shiva prabhu ci ha lasciato e allora per ricordarlo ho provato anch’io a preparare una pizza proprio come la faceva lui. Con la stessa consistenza e solo con pomodoro origano e panir.  Ho pregato di farcela e, per grazia di Krishna, incredibilmente è uscita quasi come una delle sue.

Ora andiamo alla festa della domenica, e io ne ho pensata una speciale:

Riso basmati condito con ghi, succulento sabji con verdure di stagione, pomodoro e panir, patate Gauranga, puri, chutney di ananas e zenzero (così piccante da non riuscire a tollerarlo, ma così dolce da non potergli resistere), pakora, kachori (gli snack favoriti di Srila Prabhupada) halava, misthi dahi (una deliziosa crema di latte condensato trasformato in yogurt).

Qualcuno crede che i ceci crudi al mattino come colazione siano solo una leggenda, invece è tutto vero, infatti il primo libro di cucina Hare Krishna, l’Hare Krishna Cookbook pubblicato nel 1973 li descrive, io li preparo ogni tanto e sono deliziosi. Ecco la mia ricetta:

  • ceci messi a bagno la notte scolati e lavati
  • zenzero grattugiato
  • olio di oliva extravergine
  • pepe nero macinato 
  • succo di limone
  • un pizzico curcuma
  • prezzemolo tritato
  • sale

Ed ecco dal Hare Krishna Cookbook la colazione con ceci, poi un pranzo e una cena tipo, stile anni 70

Prasadam del mattino: ceci crudi, zenzero, frutta e latte

Prasadam di mezzogiorno: dhal, riso, chapati e verdure al curry

Prasadam della sera: latte caldo

E poi una tipica Sunday Love feast: riso e piselli, patate e cavolfiori in umido, puri, samosa, halava, riso dolce, palline dolci, chutney di ananas (dolce e piccante), chutney di rabarbaro (salato e piccante), e yogurt.

Il convitto, il mangiare insieme è importante, crea la famiglia e la comunità spirituale e ci ricorda la socialità e le relazioni del mondo spirituale dove noi ci ritroveremo con un bellissimo ragazzo, un pastorello trascendentale, Krishna.

Egli era seduto al centro e tutti i visi erano rivolti a Lui; così mangiando, i giovani pastori provavano un’estasi continua nel vedere il Signore, che sembrava il cuore di un fiore di loto circondato dai suoi petali.

Da Il Libro di Krishna

Sajjana Ashraya das

The post Gusti superiori appeared first on VaisnavaLife.com.

https://ift.tt/1DXxSH9dC

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...