Impariamo le lezioni dal miglior insegnante

Appena sentiamo la parola successo cosa ci viene in mente? Denaro, influenza, fama? Fin dall’infanzia siamo condizionati a credere che questo sia ciò che significa successo. Ma supponiamo di raggiungere il successo e poi come fanno molti, perdiamo tutto. Allora siamo considerati un fallimento. Quindi dobbiamo ricominciare a creare il nostro successo. Anche se otteniamo di nuovo un successo completo, non ci sarà comunque permesso di portare con noi il nostro successo. La morte ci porterà via tutto quello che abbiamo lottato per avere. Se il successo significa denaro, potere e fama, alla fine siamo tutti destinati a essere dei fallimenti materiali.

Non c’è fallimento nella piattaforma spirituale

La Bhagavad-gita, ovvero le immortali parole di saggezza di Sri Krishna, ci insegna che siamo anime spirituali intrappolate in un corpo materiale. A differenza del corpo, l’anima è immortale ed eterna. Quindi qualsiasi cosa che facciamo nell’ambito spirituale è un successo eterno. “In questo sforzo non c’è perdita o diminuzione, e anche un piccolo passo su questa via ci protegge dalla paura più temibile”. (B.G. 2.40)

Successo spirituale significa far piacere Krishna con i nostri pensieri, le nostre parole e le nostre azioni. A differenza del successo materiale, che può essere misurato con dei risultati quantificabili, il successo spirituale può non avere nulla a che fare con risultati esterni misurabili. Il servizio di devozione a Krishna è assoluto, quindi possiamo anche servire con successo Krishna anche nella nostra mente oltre che servirLo con il nostro corpo e le nostre parole.

Il Brahma-vaivarta Purana descrive una bellissima storia di un brahmana del sud dell’India che voleva offrire del riso dolce (khir) alle sue Divinità, ma non poteva permettersi di avere gli ingredienti necessari per prepararlo. Così decise di offrire del riso dolce mentalmente. In profonda meditazione, raccolse tutti gli ingredienti e poi lo mise sul fuoco. Dopo che fu pronto, pensò di lasciarlo raffreddare prima di offrirlo a Krishna. Dopo un po’ lo toccò con un dito per vedere se il riso dolce si fosse raffreddato, ma era ancora caldo e con sua sorpresa, il riso dolce gli ustionò un dito! Per la sua devozione nel preparare e provare il khir, anche se solo nella sua mente, il Signore accettò con gioia la sua offerta e in breve lo portò a Vaikuntha, la Sua dimora eterna.

Anche visualizzare che tipo di devoto vorremmo essere e che tipo di servizio vorremmo rendere a Krishna può essere contato nel servizio devozionale. Il Signore è soddisfatto dei nostri sforzi sinceri per migliorare il nostro servizio, anche se non possiamo raggiungere subito quegli obiettivi. Il fatto che ci prefiggiamo di essere un devoto migliore o di fare un servizio particolare è di per sé un servizio devozionale, e se pensiamo sempre a fare qualcosa per Lui, ci sono delle buone probabilità che un giorno ce la faremo. Dopotutto, Srila Prabhupada ha pensato per quarantadue anni di predicare in Occidente prima di essere pronto e in grado di farlo.

Avere degli obiettivi devozionali rivela a Krishna il nostro cuore e i nostri desideri. Gli acarya pregano: “Oh, quando sarà mio quel giorno…” con il sentimento di desiderare un livello di coscienza di Krishna che attualmente non hanno. Pertanto, avere degli obiettivi devozionali chiari esprime il desiderio del nostro cuore per Krishna. Poiché non siamo puri devoti, possiamo esprimere dei desideri semplici, come pregare così: “Oh, quando sarà mio quel giorno quando ogni tanto penserò a Krishna durante il giorno?”. Più avanti, potremo pensare di pregare per il giorno in cui correremo lungo la Yamuna presi da un folle amore estatico.

Inoltre, la ricerca ha dimostrato che è più probabile che raggiungiamo un obiettivo se lo scriviamo. Anche se pensate di non poter raggiungere l’obiettivo o di non raggiungerlo, scrivetelo comunque. Rimarrete sorpresi da quello che accadrà. Una volta ho scritto alcuni obiettivi e poi li ho dimenticati, ma una settimana dopo mi sono ritrovato a perseguire alcuni di quegli obiettivi anche se non avevo dato uno sguardo alla mia lista. Ad esempio, se volete svegliarvi un’ora prima ogni giorno, scrivete il vostro obiettivo su un foglio di carta e guardate cosa succede. Scrivere un obiettivo immette quell’obiettivo nel vostro subconscio e poi spesso iniziate ad agire in modo da raggiungerlo.

Un devoto non può fallire

Poiché il servizio devozionale è assoluto, lo sforzo è spirituale e perfetto nonostante il risultato. Srila Bhaktisiddhanta Sarasvati Thakura, il maestro spirituale di Srila Prabhupada, apprezzava un devoto anche se avesse anche dato una sola rivista per pochi paisa. Prabhupada disse che non si tratta di successo o fallimento nel servizio devozionale perché la nostra posizione è simile a quella di un soldato che ha il dovere di combattere. Facciamo semplicemente il nostro dovere.

L’unico fallimento è non fare degli sforzi

Srila Prabhupada non sapeva se la coscienza di Krishna sarebbe stata accettata in Occidente, ma poiché il suo maestro spirituale gli aveva ordinato di predicare, sentiva di doverci provare. Sapeva che tutto è possibile per la misericordia del guru e di Krishna, ma esternamente non era ovvio come sarebbe successo o anche se sarebbe successo. Quando gli è stato chiesto perché avesse scelto di andare a New York invece che a Londra, Prabhupada disse scherzosamente: “I miei confratelli sono andati a Londra e hanno fallito, quindi ho pensato di andare a fallire a New York.”

Non fallire nell’avere successo

Non dobbiamo aver paura di fallire. Srila Bhaktivinoda Thakura ha citato la famosa massima: “Il fallimento è la colonna del successo”. Siamo progettati per imparare attraverso il fallimento. Pertanto, dovremmo essere pronti ad accettare il fallimento come un processo di apprendimento. I bravi venditori  sanno di dover affrontare un certo numero di rifiuti prima di fare una vendita. Alcuni dei migliori scrittori seguono questo principio: “Scrivete come se le vostre parole finissero nella spazzatura.”

Chi ha paura di fallire raramente fa grande cose

Di conseguenza, quando pensate di aver fallito, chiedetevi: “Cosa posso imparare da questo fallimento?” E poi potete dare un nuovo nome al vostro fallimento. Potete chiamarla “esperienza di apprendimento”. Poiché il nostro sforzo per servire Krishna è il nostro successo, e poiché la realtà è che spesso dobbiamo fallire per migliorare, non possiamo perdere quando facciamo degli sforzi. Quindi se non riusciamo a fallire, allora non riusciremo ad avere successo.

Mahatma das (dal sito Dandavats.com)

The post Impariamo le lezioni dal miglior insegnante appeared first on VaisnavaLife.com.

https://ift.tt/3kkvGkw

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...